GP dell'Arabia Saudita
Sport

GP dell’Arabia Saudita

Adrenalina a mille nel primo Gran Premio disputato a Jeddah. Dopo una delle gare più assurde degli ultimi anni Hamilton e Verstappen sono appaiati a pari punti in classifica con una sola gara ancora da disputare. Il titolo si deciderà in una mano secca all’ultimo GP di Abu Dabi

GP dell'Arabia Saudita

GP dell’Arabia Saudita all’insegna dei colpi di scena. I primi li abbiamo già avuti il sabato, con l’uscita di pista di Max Verstappen quando stava effettuando un giro capolavoro.

Il pilota olandese ha voluto strafare e pur vedendo sul display il vantaggio sul suo diretto rivale, ha voluto spingere pur avendo ormai la pole in tasca con il risultato di avere davanti le due Mercedes, con Hamilton in pole. Considerando la posta in palio (si sta lottando per il campionato) si è complicato sicuramente la vita.

Le tre partenze del GP dell’Arabia Saudita

incidente che ha causato bandiera rossa al GP dell'Arabia Saudita

Ma il GP d’Arabia è stato proprio un “pazzo GP”. Domenica ricca di adrenalina con una gara segnata da tre partenze dalla griglia a causa di due interruzioni con bandiera rossa e, soprattutto, dalle scintille fra i due contendenti al mondiale. Decisioni che, alla fine dei conti, sono andate a discapito di Hamilton, che ha visto così vanificare la sua ottima partenza.

Ma alla fine il pilota della Mercedes vince la gara con tanto di giro veloce, fondamentale per il Campionato. Fatale per l’olandese della Red Bull la penalizzazione di 5 secondi per una manovra irregolare nei confronti del rivale. 

Tra i vari episodi, quello che ha fatto più discutere è stato sicuramente il tamponamento di Lewis nei confronti di Verstappen. Al giro 38, Max deve restituire la posizione al britannico dopo una manovra scorretta durante un tentativo di sorpasso, ma quando il pilota Mercedes è a ridosso della Red Bull,

Verstappen intenzionalmente frena di colpo. Hamilton non può evitare il contatto che gli costa la rottura di una parte dell’ala anteriore e una serie di “complimenti” rivolti al rivale via radio. L’olandese per questo episodio verrà penalizzato di 10” per aver causato il tamponamento, ma resta comunque secondo al traguardo. La classifica perciò non cambia.

tamponamento Hamilton-Verstappen al GP dell'Arabia Saudita

Completa il podio Valtteri Bottas che precede di un decimo l’Alpine di Esteban Ocon. Gara sfortunata per Charles Leclerc, il quale paga una bandiera rossa retrocedendo in settima posizione davanti a Carlos Sainz.

I due pretendenti al titolo ora hanno gli stessi punti in classifica e si giocheranno tutto nell’ultima gara di Abu Dhabi. Ma Verstappen arriva a Yas Marina con un vantaggio in quanto, avendo il maggior numero di vittorie (9  contro le 8 di Hamilton) se si dovesse arrivare ad un contatto con l’uscita di scena di entrambi i piloti, il campionato lo vincerebbe lui.

A fine gara, Verstappen mette la macchina in seconda posizione, Hamilton sistema il volante…sembrano due pugili che arrivano all’ultimo round, il numero 22 e il ring sarà  la pista di Abu Dhabi.

Esultanza da parte del Team Mercedes mai vista! Lewis è una furia ma Verstappen è un leone.

Interviste fine gara

Esultanza Hamilton vincitore GP dell'Arabia Saudita

Diplomatici entrambi i piloti nelle interviste del dopo gara in merito al tamponamento.

Le parole di Verstappen: “Gara movimentata, sono successe un sacco di cose con le quali non sono d’accordo con tutte ma è andata come è andata. Ho provato a dare tutto in pista ma non ero sicuro che le gomme potessero durare fino alla fine. Ho cercato di lottare fino all’ultimo e comunque sono arrivato secondo”. E in merito al contatto: “Ho rallentato, volevo lasciarlo passare, lui non voleva superarmi li e ci siamo toccati, non ho proprio capito cosa sia successo.”

Hamilton: “Ho cercato di usare la testa e per quanto potesse essere dura la battaglia ho usato tutta l’esperienza maturata nei vari anni. É stato difficile ma abbiamo continuato a spingere come team, abbiamo perseverato anche per tutte le cose che sono successe, riuscire a riguadagnare terreno è stato un duro lavoro per tutti. Non ho capito perché ad un certo punto abbia frenato in modo così pesante all’improvviso e io gli sono finito addosso. Ho ricevuto dopo il messaggio che mi avrebbe lasciato passare e magari il motivo è questo ma io non lo avevo capito.”

E per la gara futura “Noi abbiamo un gran bel passo ma loro sono molto veloci quindi non sarà facile. Ma abbiamo fatto un buon lavoro e Valtteri ha fatto una grande gara oggi portando tanti punti al team e questa gara è per tutti i ragazzi e le ragazze in fabbrica. Le emozioni sono state grandi anche per il team nel corso della gara ma è stata una vittoria straordinaria alla fine.”

Campionato apertissimo quindi e il titolo mondiale sarà deciso il prossimo week-end sul circuito di Yes Marina. Che vinca il migliore!

Qui classifiche GP dell’Arabia Saudita