Festeggiamenti Toprak sbk indonesia
Sport

Jonathan Rea cede lo scettro a Toprak Razgatlioglu

Malgrado le vittorie in Gara 1 e in Gara 2del GP di Indonesia, il sei volte campione del mondo lascia la leadership a Razgatlioglu

Un weekend travagliato quello dell’ultimo Gp del calendario 2021 di SBK dovuto al maltempo. A causa di un nubifragio a Mandalika, sabato non si è corso e Gara 1 è stata rimandata alla domenica, annullando la Superpole Race. Un duro colpo per Rea e un regalo per Toprak sempre più vicino al titolo: ha 30 punti di vantaggio con sole due gare da disputare e Jonathan Rea non può più contare sugli eventuali 12 punti del vincitore della Superpole.

Johnny asso piglia tutto ma la corona va a Toprak

IL CAMPIONE TOPRAK

Gara 1 vede trionfare Rea, primo vincitore del circuito di Mandalika. Ma la seconda posizione al traguardo di Toprak Razgatlioglu corona il pilota turco nuovo campione del Mondo Superbike. Terza posizione per Scott Redding.

Dopo circa un’ora e mezza di attesa a causa della pioggia persistente viene dato il via a Gara 2. Jonathan Rea vince così l’ultima gara della stagione Superbike 2021 sul tracciato indonesiano sotto una pioggia battente. Secondo Scott Redding che saluta il team Ducati.

Sul podio l’olandese della BMW Michael Van Der Mark. Solo quarto il neo campione del mondo Razgatlioglu. Non classificati in seguito ad una caduta Michael Ruben Rinaldi e Axel Bassani.

La Casa di Iwata trionfa anche nella classifica costruttori con 607 punti, davanti a Ducati con 594 punti e Kawasaki con 570 punti.

Moto sulla pioggia GP Indonesia

GP Indonesia, la gara dei saluti

Con il GP di Indonesia si chiude il capitolo Redding-Ducati. Il pilota inglese il prossimo anno correrà per BMW con Van Der Mark. A Borgo Panigale ritornerà Alvaro Bautista dopo il “divorzio” del 2019.

La gara di Mandalika è stata però anche l’ultima apparizione sui circuiti mondiali per Chaz Davis, che saluta la SBK dopo 9 anni.

Ritorno alle origini

Al termine della gara, Jonathan Rea, ancora in pista, toglie il numero 1 dal cupolino della moto rimettendo il numero 65. Si torna alle origini… Il pilota nordirlandese dichiara di non avere rimpianti e di essere pronto di nuovo a dare battaglia.

Rea con il numero 65

Ecco le sue parole dopo Gara 2:

“Sono contentissimo, grazie al mio team, hanno preso tutte le decisioni corrette fino dal prima sessione di prove libere, la moto è sempre stata pronta. Siamo andati forti sull’asciutto, sul bagnato e ho vinto in entrambe le occasioni. Grazie ai fan che sono stati fantastici a stare qui nonostante la pioggia. Contentissimo del nostro lavoro quest’anno, non ho rimpianti. Congratulazioni ancora a Toprak e a Yamaha e non vedo l’ora di battagliare di nuovo con loro l’anno prossimo!”

Qui tutte le classifiche

FOTO WORLDSBK.COM