Lotus Eletre
4 Ruote, E-Planet

Lotus Eletre: presentato il primo Suv di Hethel

Eccola in veste definitiva dopo le foto comparse in anteprima sui Social. Comincia la rivoluzione!

Lotus Eletre

La trasformazione comincia con la Lotus Eletre, prima elettrica e prima Suv del Marchio inglese. Sotto l’ala della cinese Geely comincia la nuova era, fatta non solo di supersportive. Da qui al 2026 ci saranno quattro nuovi modelli e oggi Lotus ha fatto il suo primo passo nel futuro.

Lotus Eletre arriva nel 2023

Sarà un grande Suv e con grandi prestazioni. Lunghezza oltre i 5 metri, motori da 600 cavalli e prezzo di partenza di 120.000 euro. È sviluppata sulla piattaforma Electric Premium Platform che verrà utilizzata anche per altri modelli e sarà costruita in Cina.

Linea da vera sport Suv

Non poteva essere altrimenti; Lotus poteva e doveva entrare nel mondo dei Suv con un modello che ne riprendesse l’anima e le caratteristiche. La linea della Eletre è filante con il frontale che riprende quello della Lotus Evija. I fari a forma di boomerang con tecnologia Matrix “spariscono” tra le enormi prese d’aria necessarie a raffreddare l’unità elettrica. Le fiancate mostrano ampie vetrate e sfoghi d’aria dietro le ruote anteriori e le piccole telecamere che sostituiscono gli specchietti retrovisori. Dietro dominano i grandi sfoghi dell’aria sovrastati da una sottile striscia Led e sul lunotto si notano due piccoli spoiler laterali.

  • Lotus Eletre

Per la Lotus Eletre prestazioni da supercar

Nonostante la stazza la nuova Lotus Eletre non perde la caratteristica principale della auto della Casa. La guidabilità e la dinamica di guida rimangono quelle di una vera Lotus! Merito delle sospensioni pneumatiche, dell’asse posteriore sterzante, delle barre antirollio e del differenziale attivo a slittamento limitato. 

Tutto mosso da una doppia powertrain montate sui due assi che permettono di avere una potenza di 600 cv. Ovviamente le prestazioni sono elevatissime: da 0 a 100 km/h in 3 secondi e velocità massima di 260 km/h. Grazie alla batteria da 100 kWh l’autonomia può arrivare a 600 km. Inoltre con la nuova architettura a 800 V, compatibile con le colonnine fast charger, il tempo per una ricarica completa è di 18 minuti.

Dentro è tecnologica, raffinata e sportiva

Sono disponibili diversi driving mode per venire incontro alle diverse esigenze del guidatore: Range, Tour, Sport, Off-road e Individual. Dispone di guida assistita di livello 4 grazie ai radar lidar posti nei passaruota anteriori e sul tetto. L’interno è minimale con un cruscotto a feritoia che lascia gran parte delle informazioni al mega schermo touch da 15,1 pollici posto in posizione centrale. Niente di superfluo, ampio uso di materiali riciclati e grande lusso caratterizzano l’abitacolo. Sarà disponibile in versione 4 o 5 posti, a seconda della configurazione. Qui il video della presentazione.