GMA T.33
4 Ruote

GMA T.33 pura essenza di bellezza automobilistica

Gordon Murray Automotive presenta li nuovo gioiello della sua collezione. Una sportiva raffinata e senza niente “in più”. Essenziale e bellissima

GMA T.33

La GMA T.33 riporta l’automotive alla sua più pura natura: il piacere di guida. La mente alla base della nuova supercar inglese è il fondatore Gordon Murray che rimane fedele al suo credo anche per questo nuovo modello. 

GMA T.33 con un cuore (quasi) da F1

La “piccola” GMA T.33 va ad affiancare la T.50 della quale mantiene, oltre che la stessa filosofia, lo stesso motore, ma in versione aggiornata. Il V12 aspirato da 3.9 litri realizzato in collaborazione con Cosworth, ribattezzato GMA.2, sviluppa 615 cv e 451 Nm di coppia. Questo motore ha chiari richiami al vecchio mondo della Formula 1, sia per le caratteristiche tecniche che per il sound.

GMA T.33

Altre caratteristiche aggiornate rispetto al motore della sorella maggiore sono i nuovi alberi a camme, la rasatura variabile, il sistema di aspirazione e quello di scarico.

Rinnovato anche il cambio manuale a sei marce che, accoppiato al motore, costituiscono un blocco semi portante della struttura dell’auto.

Leggera, dura e minimal

Nello studio e nella progettazione della struttura si è badato principalmente a un dato: il peso.

La monoscocca in carbonio molto simile a quelle delle Formula 1 permette all’auto di fermare l’ago della bilancia sui 1.090 kg. Questo ha permesso di ottenere valori di rigidità record, a tutto vantaggio della guidabilità.

Dunque, più di 600 cavalli per meno di 1.100 kg di peso necessitano di una ciclistica all’altezza per poter essere sfruttati. Raffinato e sofisticato il sistema di sospensioni a doppio braccio sia anteriore che posteriore così come lo studio aerodinamico. Niente effetto suolo estremo come sulla T.50, ma a garantire il carico aerodinamico pensa la presa d’aria frontale che incanala il flusso d’aria nel sottoscocca. Lo spoiler posteriore attivo si alza in decellerazione per aumentare la forza frenante.

All’interno sembra di tornare indietro nel tempo. Niente maxi schermi o touch screen sparsi in giro per il cruscotto. Solo volante, cambio, pedali e qualche comando. Insomma, un’auto da piloti veri, un vero e proprio classico inglese.

GMA T.33 solo in 100 esemplari

A conferma dell’assoluta esclusività della nuova creatura di Murray, la produzione è limitata a sole 100 auto. È costruita completamente a mano nel stabilimenti inglesi del Surray e le prime consegne verranno effettuate nel 2024. Per potersela mettere in box occorre sborsare 1,37 milioni di sterline, circa 1,65 milioni di euro. info sul sito del costruttore.